250px Obesity

L’obesità è un problema nutrizionale con componenti ambientali, comportamentali, socioeconomiche e genetiche. Uno studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology [1] mostra che l’obesità sana non esiste e non può essere benigna. L’obesità colpisce circa il 30% della popolazione adulta nei paesi sviluppati e la sua frequenza è in aumento. Pertanto, negli ultimi 15 anni, la prevalenza dell’obesità negli adulti americani di età compresa tra 40 e 59 anni è aumentata dal 30,5% al 39,6% [2] . In uno studio recente [3], è stato notato che sempre meno persone obese cercano di perdere peso. L’obesità si sviluppa nell’arco di diversi anni, sebbene i bambini obesi tendano a rimanere obesi in età adulta. provata[4] che le persone in sovrappeso in età adulta aumentano il rischio di morte per malattie cardiovascolari, cancro e altre cause, e per ogni 10 anni di obesità (BMI 30 e oltre) il rischio di un aumento dei livelli di troponina aumenta di 1,25 volte…

L’obesità può essere definita in termini di peso corporeo o, in alternativa, in termini di contenuto di grasso totale. Gli standard cosmetici, così come il peso corporeo (ad eccezione dei pesi estremamente grandi), non sono significativi. Un problema serio è che l’obesità è associata ad un aumento di tre e persino quattro volte dell’incidenza di patologie cardiovascolari , ipertensione, malattie della colecisti, malattie respiratorie, artrosie alcuni tumori. C’è anche un aumento del rischio [6] di complicanze vascolari a seguito di un intervento chirurgico per lussazione rotulea, una lesione comune nell’obesità.

Valutazione del peso corporeo tramite BMI

La clinica utilizza un parametro quantitativo – indice di massa corporea (BMI) , che collega la massa (in chilogrammi) con l’altezza (in metri) sotto forma di rapporto peso/altezza 2 . Il sovrappeso è determinato se l’IMC è superiore a 25 e inferiore a 30 kg/m 2 . Per l’obesità, BMI è uguale o superiore a 30 kg / m 2… Tuttavia, anche il modo in cui il grasso è distribuito tra le regioni centrali e periferiche è correlato con un aumento del rischio. La morbilità e la mortalità sono maggiormente associate alla distribuzione centrale del grasso (definita come il rapporto tra circonferenza vita e fianchi), con un rapporto > 0,9 per le donne e > 1,0 per gli uomini. I valori accettabili sono <0,75 per le donne e <0,85 per gli uomini. Un altro studio del 2016 ha osservato che l’obesità è più associata alla morte prematura negli uomini rispetto alle donne. [7]

Tipi di obesità

Ci sono cause genetiche dell’obesità . Il gene AB e la proteina leptina regolano l’assunzione di cibo. La leptina, prodotta nel tessuto adiposo , interagisce con i recettori ipotalamici, segnalando la saturazione del tessuto adiposo, e quindi regola l’assunzione e la spesa alimentare. Sebbene i livelli di leptina siano elevati nell’obesità, la struttura dei geni della leptina e dei recettori della leptina è normale nella maggior parte dei pazienti obesi. Il ruolo potenziale delle leptine nella patogenesi dell’obesità nell’uomo è attualmente poco chiaro.

Fatti sull’obesità

Alcuni fatti sull’obesità riportati sul sito web dell’OMS [8] :

  1. Sovrappeso e obesità sono definiti come « accumulo anomalo o eccessivo di grasso che può portare a problemi di salute ».
  2. Nel 2016, più di 1,9 miliardi di adulti sopra i 18 anni erano in sovrappeso. Di questi, oltre 650 milioni erano obesi.
  3. Nel 2016, 41 milioni di bambini sotto i 5 anni erano in sovrappeso o obesi.
  4. La maggior parte della popolazione mondiale vive in paesi dove muoiono più persone per gli effetti del sovrappeso e dell’obesità che per gli effetti di un peso corporeo anormalmente basso.
  5. L’obesità è solitamente il risultato di un rapporto inappropriato tra calorie consumate e consumate.
  6. Un ambiente solidale e le comunità locali sono fondamentali per plasmare le scelte delle persone e prevenire l’obesità.
  7. Le scelte dei bambini e le abitudini alimentari e di attività fisica sono influenzate dal loro ambiente
  8. Un’alimentazione sana può prevenire l’obesità
  9. L’attività fisica può supportare un corpo sano
  10. Contenere l’epidemia globale di obesità richiede un approccio multisettoriale, multidisciplinare, specifico per la popolazione e culturalmente sensibile.

Sei ragioni principali per l’aumento di peso

Gli studi dimostrano che i due terzi degli americani sono in sovrappeso o obesi (Ogden et al., 2014), una condizione di salute associata a ipertensione, malattie cardiovascolari, diabete, depressione e vari tipi di cancro (seno, endometrio, colon e prostata) (Malik, Schultz & Hu, 2006). Inoltre, gli studi hanno scoperto che gli americani tendono ad aumentare di peso lentamente dopo i 50 anni, aggiungendo ~ 0,5 kg all’anno (Mozaffarian et al. 2011).

Comprendere comportamenti specifici che aumentano il rischio di aumento di peso aiuterà i clienti a gestire il proprio peso. Mentre la maggior parte degli articoli si concentra su strategie e comportamenti per la perdita di peso, esamineremo l’altro lato della medaglia: sei fattori che predispongono gli americani all’aumento di peso per tutta la vita.

1. Consumo di cibi ipercalorici

In uno studio di Mozaffarian et al. (2011) hanno identificato il comportamento associato al progressivo aumento di peso in un periodo di 4 anni, compreso il consumo regolare:

  • patatine e patate (patatine fritte, purè di patate, patate al forno e lesse);
  • carni rosse, prodotti a base di carne lavorati (pancetta, salame, salsicce) e prodotti a base di carne cruda (manzo, hamburger, maiale, agnello);
  • oli, dolci e dessert;
  • cereali raffinati (prodotti di farina bianca e riso bianco).

Alimenti per aiutare a controllare il peso. Lo studio ha anche scoperto che mangiare cibi come noci, cereali integrali, frutta, verdura, yogurt, Diet Coke (0 calorie), formaggio e latte (scremato, magro e intero) è stato utile per frenare l’aumento di peso. Secondo Mozaffarian et al. (2011), questi alimenti hanno un basso tasso di assorbimento (alcuni sono ricchi di fibre) e aumentano la sazietà – una sensazione di pienezza dopo un pasto.

Questi alimenti possono sostituire gli alimenti più trasformati nella dieta, creando un meccanismo biologico intelligente attraverso il quale le persone possono aumentare di peso nel tempo mangiando più frutta, noci, verdure e cereali integrali (Mozaffarian et al., 2011).

2. Consumo di bevande contenenti zucchero

Le bevande zuccherate (SU) hanno un basso valore nutritivo e sono segnalate come le maggiori fonti di calorie nella dieta americana (Dennis, Flack & Davy, 2009). Nel 2006, Malik, Schultz & Hu hanno concluso che queste bevande rappresentano circa dall’8 al 9% del consumo energetico totale nei bambini e negli adulti. I PSN contengono diversi tipi di carboidrati, come sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, saccarosio e dolcificanti artificiali. Il consumo di PSN ha scarso effetto sulla sazietà (Malik, Schultz & Hu, 2006), quindi le persone possono consumare grandi quantità di bevande senza sopprimere l’appetito (Mattes, 2006).

La risposta dell’organismo ai carboidrati (di valore energetico simile) differisce a seconda che siano in forma liquida o solida. In uno studio trasversale, DiMeglio e Mattes (2000) hanno scoperto che le persone che bevono PSN hanno guadagnato molto più peso rispetto a quando hanno consumato una quantità paragonabile di carboidrati solidi. Le persone che hanno preso parte a due esperimenti – ciascuno della durata di 4 settimane – e consumando PSN hanno guadagnato il doppio della massa grassa rispetto al consumo di carboidrati solidi. Entrambe le fonti nell’esperimento contenevano una quantità di calorie equivalente a tre 360 ml di soda al giorno (DiMeglio & Mattes, 2000).

3. Non abbastanza sonno (o troppo)

Nonostante la necessità di ulteriori studi clinici, diversi studi epidemiologici hanno confermato che dormire meno di 7 ore o più di 8 ore a notte contribuisce all’aumento di peso (Marshall, Glozier, Grunstein, 2008). Secondo Marshal e colleghi, le persone con sonno insufficiente sviluppano disturbi cronici del glucosio che portano gradualmente all’obesità. Inoltre, la privazione del sonno riduce significativamente i livelli di leptina nel sangue e aumenta i livelli di grelina, entrambi i quali aumentano l’assunzione di cibo (Van Cauter et al., 2008).

Agire sulla regolazione di questi ormoni contribuisce ad aumentare la fame e l’appetito, soprattutto per i cibi ricchi di carboidrati, che sono stati associati all’aumento di peso (Van Cauter et al., 2008). Idealmente, dormire da 7 a 8 ore ogni notte integra un programma di controllo del peso di successo.

4. Eccessiva visione della TV

Un aumento del tempo trascorso davanti alla TV è strettamente correlato all’aumento di peso, soprattutto nei giovani (Chapman et al. 2012). Chapman e colleghi affermano che il 58,9% degli americani guarda più di 2 ore di TV al giorno.
Secondo gli autori citati, gli studi epidemiologici hanno mostrato le seguenti tendenze nelle persone che trascorrono regolarmente più tempo a guardare la TV:

  • più snack durante la navigazione;
  • maggiore apporto calorico totale dal cibo;
  • consumo di alimenti a maggiore densità energetica.

Tutte queste tendenze portano all’aumento di peso.

Altri rapporti suggeriscono che le immagini di cibo appetitoso (osservate sistematicamente negli spot pubblicitari) causano un aumento della concentrazione plasmatica di grelina, aumentando così la fame/risposta al cibo (Chapman et al. 2012). Al contrario, nei bambini, guardare la TV meno di un’ora al giorno è associato a una riduzione della massa corporea, dell’indice di massa corporea, dello spessore della plica cutanea e della massa grassa. Hanno anche meno probabilità di essere in sovrappeso, evidenziando l’importanza dello stile di vita nell’aumento di peso (Chapman et al. 2012).

5. Consumo eccessivo di alcol

L’ alcol ha una densità energetica molto elevata – 7 kcal / g, che è inferiore solo rispetto ai grassi, che hanno 9 kcal / g; questo crea molti problemi di salute. A parte i suoi effetti farmacologici sul cervello e le fluttuazioni ormonali, le calorie aggiuntive dell’alcol non sostituiscono l’assunzione di energia da altre fonti (Yeomans, 2010). Pertanto, il consumo di energia dall’alcol aumenta l’apporto calorico giornaliero totale.
Gli Yeoman aggiungono che il consumo di alcol prima e dopo i pasti può aumentare l’assunzione di cibo, probabilmente attraverso un aumento a breve termine del piacere del cibo. Le prove epidemiologiche di Yeomans che mostrano un effetto protettivo del consumo moderato di alcol contro l’obesità sono insolite, in particolare nelle donne. Ciò significa che l’effetto dell’alcol è dose-dipendente e deve essere attentamente monitorato, specialmente durante i pasti.

6. Mancanza di attività fisica

Studiando una tendenza di 15 anni, gli scienziati hanno notato una relazione inversa tra camminare e aumento di peso [9] , suggerendo che più le persone camminano, meno aumentano di peso. I ricercatori hanno notato tassi molto bassi di obesità negli anziani, che fanno una media di 18.000 (uomini) e 14.000 (donne) passi al giorno. Secondo [10] , l’aggiunta di 2-4 ore di cammino alla settimana è un’attività target realizzabile. Gli autori di un altro studio [11] affermano che il 3,8% di tutti i decessi è causato da uno stile di vita sedentario e dalle sue conseguenze. Una persona che trascorre almeno 3 ore al giorno ininterrottamente in posizione seduta si espone già al pericolo di morte prematura [12] .

Nonostante i comprovati benefici dell’esercizio, solo la metà degli americani (51,6%) fa il volume raccomandato (150 minuti a settimana) di attività aerobica di intensità moderata a settimana e solo il 29,3% si allena con resistenza almeno 2 volte a settimana (CDC, 2011 ) … Inoltre, solo il 20,6% degli adulti americani (23,4% degli uomini e 17,9% delle donne) segue le linee guida sia per la forza che per l’allenamento aerobico (CDC, 2011). Ciò significa che la maggior parte degli americani che vogliono ridurre o mantenere il peso corporeo aumentano di peso non seguendo le linee guida minime per l’attività fisica.

Soluzioni per l’aumento di peso

Indicatori di stili di vita « a rischio di obesità » e obiettivi di cambiamento in qualsiasi piano per prevenire l’aumento di peso sono il tempo eccessivo in TV, il consumo di bevande zuccherate e alcoliche, il sonno insufficiente, il consumo di cibi ipercalorici e l’astensione dall’attività fisica. Lo stress psicologico che accompagna un comportamento inappropriato può esacerbare l’aumento di peso, e questo dovrebbe essere considerato dai professionisti della formazione quando si pianifica l’esposizione (Montes Kravitz, 2011). Per risolvere con successo il problema dell’eccesso di peso nei clienti, si può raccomandare ai personal trainer di prestare attenzione a tutte le aree elencate.

Modifiche del comportamento volte a prevenire l’aumento di peso dei clienti:

  • Evitare il consumo eccessivo di carne rossa, patate, cibi lavorati, oli, dolci e dessert.
  • Dormi ogni notte per 7-8 ore.
  • Guarda la TV non più di 1 ora al giorno.
  • Impegnati per almeno 150 minuti a settimana di esercizio aerobico di intensità moderata.
  • Includere attività quotidiane che prevengono lo stress.
  • Sostituisci le bevande zuccherate con acqua e bevande non caloriche.
  • Includere settimanalmente 2 – 4 ore di camminata veloce.
  • Bevi alcolici con moderazione.
  • Fai esercizi di forza almeno due volte a settimana.

Diversi gruppi di ricerca hanno dimostrato che, a lungo termine, un’elevata attività fisica è più vantaggiosa per mantenere il peso che limitarsi con una dieta. Pertanto, gli scienziati hanno sottolineato che l’obesità non è una malattia che può essere curata con l’assunzione di poche pillole. Questo è ciò di cui hai bisogno per guarire nella tua vita tutto il tempo.